1. La presente legge garantisce che il trattamento dei dati personali si svolga nel rispetto dei diritti, delle libertà

fondamentali, nonché della dignità delle persone fisiche, con particolare riferimento alla riservatezza e all’identità

personale; garantisce altresì i diritti delle persone giuridiche e di ogni altro ente o associazione.

2. Ai fini della presente legge si intende:

a) per “banca di dati”, qualsiasi complesso di dati personali, ripartito in una o più unità dislocate in uno o più siti,

organizzato secondo una pluralità di criteri determinati tali da facilitarne il trattamento;

b) per “trattamento”, qualunque operazione o complesso di operazioni, svolti con o senza l’ausilio di mezzi elettronici

o comunque automatizzati, concernenti la raccolta, la registrazione, l’organizzazione, la conservazione,

l’elaborazione, la modificazione, la selezione, l’estrazione, il raffronto, l’utilizzo, l’interconnessione, il blocco, la

comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distruzione di dati;

c) per “dato personale”, qualunque informazione relativa a persona fisica, persona giuridica, ente od associazione,

identificati o identificabili, anche indirettamente, mediante riferimento a qualsiasi altra informazione, ivi compreso

un numero di identificazione personale;

d) per “titolare”, la persona fisica, la persona giuridica, la pubblica amministrazione e qualsiasi altro ente,

associazione od organismo cui competono le decisioni in ordine alle finalità ed alle modalità del trattamento di dati

personali, ivi compreso il profilo della sicurezza;

e) per “responsabile”, la persona fisica, la persona giuridica, la pubblica amministrazione e qualsiasi altro ente,

associazione od organismo preposti dal titolare al trattamento di dati personali;

f) per “interessato”, la persona fisica, la persona giuridica, l’ente o l’associazione cui si riferiscono i dati personali;

g) per “comunicazione”, il dare conoscenza dei dati personali a uno o più soggetti determinati diversi

dall’interessato, in qualunque forma, anche mediante la loro messa a disposizione o consultazione;

h) per “diffusione”, il dare conoscenza dei dati personali a soggetti indeterminati, in qualunque forma, anche

mediante la loro messa a disposizione o consultazione;

i) per “dato anonimo”, il dato che in origine, o a seguito di trattamento, non può essere associato ad un interessato

identificato o identificabile;

l) per “blocco”, la conservazione di dati personali con sospensione temporanea di ogni altra operazione del

trattamento;

m) per “Garante”, l’autorità istituita ai sensi dell’articolo 30.